La candidatura di Maroni lancia Tosi alla segreteria

La candidatura di Maroni lancia Tosi alla segreteria:

IN LEGA NORD. Si chiude la faida interna? Martini: «Non c’è mai stata»
Paternoster: «Ora spero in una gara a nome unico anche nel Veneto» Fontana: «Strada spianata»

16/05/2012
Zoom Foto

Paolo Paternoster

Umberto Bossi, dopo un lungo travaglio, molla l’«osso» e incorona Roberto Maroni suo successore con una candidatura unica alla segreteria federale della Lega nord: dopo il colpo di scena di ieri, ora in casa Lega sembra tutto più facile per Tosi. Se il gesto di Bossi era atteso dalla base leghista soprattutto dopo lo scandalo delle vicende Belsito e il tracollo di voti alle liste del Carroccio alle ultime comunali, per i veronesi si tratta persino di qualcosa di più: per i sostenitori del sindaco significa una strada tutta in discesa per Flavio Tosi alla segreteria del Veneto. Lo stesso Maroni, sabato scorso, ha benedetto la candidatura di Tosi alla guida del Carroccio veneto indicandolo come il «futuro della Lega». Ora, sempre che Bossi non cambi idea un’altra volta, conla candidatura unica di Maroni, la corsa alla segreteria del suo «pupillo» Tosi acquista una marcia in più, tanto che il segretario scaligero Paolo Paternoster si spinge a sperare in una candidatura unica anche per l’elezione del 3 giugno a Padova: «Sia Antonio Da Re che Tosi sono bravissime persone, ma penso che solo il nostro sindaco abbia le qualità per guidare il partito veneto. Una candidatura unica sarebbe un bel segnale di unità e coesione in un momento difficile per il movimento». «Non so se Da Re si vorrà ritirare», prosegue l’eurodeputato Lorenzo Fontana, «dipende da tanti fattori, ma credo che ora Tosi abbia la strada spianata». Non ne è certa Francesca Martini, già sottosegretario, che dice: «Non so se la candidatura federale avrà ripercussioni sul Veneto, sono due cose distinte, con dignità e valori diversi, e affermare che ci sarà un nesso tra le due scelte mi sembrerebbe di sminuire il ruolo dei delegati. Certo è che tutta Verona convergerà gli sforzi sull’elezione di Flavio Tosi». Con la candidatura unica di Maroni c’è chi si augura conclusa anche la faida interna tra gli esponenti del «Cerchio magico», irriducibili bossiani, e i «Barbari sognanti» seguaci di Maroni e della nuova Lega. «Più che una faida si è trattata di una tensione tra le forze interne che volevano un cambiamento nel movimento e chi invece non lo voleva per difendere quelli che poi abbiamo visto essere interessi poco nobili», precisa Paternoster, «credo che a questo punto chisarà coinvolto dalle indagini, anche tra i veronesi, dovrà abbandonare la Lega prima di essere allontanato». Mentre Martini chiosa: «Per me non c’è mai stata alcuna faida e le attibuzioni fatte erano insensate. Spero che ora si archivino tutte le tensioni rispetto le questioni gestionali emerse con gravità nell’affaire Belsito».

Giorgia Cozzolino

fonte: http://www.larena.it/stories/Cronaca/362475_la_candidatura_di_maroni_lancia_tosi_alla_segreteria/

tags: Flavio Tosi; Roberto Maroni; Lega Nord; Liga Veneta; L’Arena

via http://cuoreimpavido.tumblr.com/post/23160051334 http://media.larena.it/media/2012/05/16_11_are_f1_211_a_resize_253.jpg May 16, 2012 at 12:50PM

Annunci

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: