Insubria senza confini: possibile?

Insubria senza confini: possibile?:

Varese ospita il Festival Terra d’Europa da giovedì 24 a domenica 27 maggio. Dibattiti sul Varesotto “ticinese”

Ceresio, confine o ponte fra Italia e Svizzera?

Ceresio, confine o ponte fra Italia e Svizzera?

Varese – Il tema è l’Insubria, territorio che comprende Lombardia, Piemonte e Svizzera, e le sue affinità: culturali, storiche, linguistiche. Il cuore è Varese.
Il “Festival Insubria Terra d’Europa”, giunto alla sesta edizione, entra nel vivo: la prossima settimana, dagiovedì 24 domenica 27 maggio, una raffica di appuntamenti che avrà appunto come filo conduttore il legame fra il Ticino e le province italiane di confine.
La manifestazione è stata presentata a Palazzo Estense dal sindaco Attilio Fontana, dal presidente di Terra Insubre, Marco Peruzzi, dal promotore di iniziative per l’associazione, Andrea Mascetti, e dall’artista elvetico, Yor Milano, mattatore del teatro dialettale. Ogni anno, un “sottotitolo” alla rassegna che ne caratterizza l’aspetto dominante: “L’Insubria senza confine” è quello scelto per il 2012.
Scelto non a caso: Mascetti ha citato le tentazioni, certificate da un sondaggio, di creare un cantone acavallo dei due paesi. E questo sarà il tema dell’evento clou: domenica 27 maggio, ore 15, a Palazzo Estense, il dibattito “Insubria Cantone svizzero?” con Giordano Macchi, consigliere comunale di Lugano,Dario Galli, presidente della Provincia di Varese, il sindaco Fontana, l’ex ministro Roberto Maroni e il consigliere di Stato del Canton Ticino, Norman Gobbi.
Il primo degli appuntamenti del Festival, giovedì 14 maggio, ore 20.45 alla Sala Montanari: “Et in Helvetia ego”, Giuseppe Prezzolini, percorsi d’esilio”. Ne parleranno i giornalisti Alberto Longatti e Romano Bracalini (moderatore Paolo Mathlouthi). La sera dopo, venerdì 25 maggio, al Salone Estense, il professor Luigi Zanzi spiegherà i passi alpini, strade di genti e culture tra Insubria ed Europa. Sabato 26 maggio due incontri: alle 9.30, Salone Estense, quello su “Le Alpi che uniscono: relazioni tra altopiano elvetico e regione insubre in epoca celtica”, e alle 15 sul tema “La frontiera contesa: tra Svizzera e Lombardia popoli e patrie fluttuanti”. Yor Milano ha presentato la pellicola che verrà proiettata sempre sabato 26 maggio, ore 21, alla Sala Montanari: Duu testimoni scomod, ovvero il capolavoro “A qualcuno piace caldo” doppiato in dialetto ticinese-lombardo.

fonte: http://www.prealpina.it/notizie/varese/2012/5/18/insubria-senza-confini-possibile_/2281855/55/

tags: Insubria terra d’Europa 2012; Terra Insubre; Andrea Mascetti; Varese; Attilio Fontana; Dario Galli; Roberto Maroni; Norman Gobbi Vais; Prealpina

via http://cuoreimpavido.tumblr.com/post/23295560574 http://www.prealpina.it/all/img/upl/thumbnail/generated/__s1__visco.m__2012__05__18__ceresio_61_0_908_681_0.jpg_W300.jpg May 18, 2012 at 06:43PM

Annunci

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: