Archive for the ‘Equitalia’ Tag

Fisco: Lega Nord, subito moratoria per debiti con Equitalia

Fisco: Lega Nord, subito moratoria per debiti con Equitalia:

(ASCA) – Roma, 23 mag – ”Chiediamo al governo di attivarsi subito affinche’ Equitalia individui e certifichi le aziende in difficolta’ a causa della crisi e sia immediatamente applicata una moratoria di un anno per queste imprese”. Lo ha chiesto durante il question time alla Camera il deputato della Lega Nord, Matteo Bragantini.

”Mentre il governo perde tempo a parlare, le aziende continuano a chiudere e gli imprenditori strozzati dal fisco si tolgono la vita. Lo Stato non puo’ continuare a chiedere ulteriori tasse o proporre rateizzazioni a chi, per motivi contingenti, non ha piu’ risorse sufficienti per pagare un fisco insostenibile”, ha concluso Bragantini.

fonte: http://www.asca.it/news-Fisco__Lega_Nord__subito_moratoria_per_debiti_con_Equitalia-1157929-POL.html

tags: Lega Nord; Equitalia; Matteo Bragantini; asca.it

http://ifttt.com/images/no_image_card.png May 24, 2012 at 11:21AM

Annunci

Maroni parla da leader: “Potremmo non candidarci più al Parlamento”

Maroni parla da leader: “Potremmo non candidarci più al Parlamento” :

A Cesena la prima uscita dopo l’accordo con Bossi: “Equitalia ha fallito. Il Trota? Bisogna scegliersi meglio gli autisti”. E sul simbolo: “Appartiene al movimento, la scritta Bossi verrà modificata”

“Domani c’è il consiglio federale e lì si dirà qualcosa”. A un giorno dalla riunione di via Bellerio che dovrebbe sancire il raggiungimento di un accordo tra Umberto Bossi e Roberto Maroni in vista del prossimo congresso della Lega nord a fine giugno, l’ex ministro degli interni è arrivato a Cesena per il congresso del partito in Romagna e con un sorriso ha dribblato la domanda più attesa. Ieri pomeriggio era infatti trapelata la notizia di un incontro tra Bobo e il Senatur che avrebbe portato a un patto per cui al vecchio leader andrà la presidenza, mentre il capo dei barbari sognantiprenderebbe in mano la segreteria federale e quindi il partito.

 Di sicuro per Maroni, che ha tenuto una lunga conferenza stampa in questo estremo lembo meridionale del ‘regno padano’, non ha mancato ancora una volta di segnare le distanze dall’era di Bossi. “Siamo sereni e pronti a rilanciare il movimento. Riteniamo chiusa una stagione della Lega nord. Anche se potranno esserci degli strascichi per un po’, quella dei soldi in Tanzania e dintorni è una pagina chiusa che riguarda la Lega del passato, noi adesso guardiamo alla Lega del futuro, laLega 2.0. Partiremo dal congresso federale che sancirà una svolta”.

Dunque pagina chiusa, e la conferma sembra arrivare quando Bobo Maroni parla del simbolo del movimento e di quella scritta Bossiche da anni vi campeggia. Nei giorni scorsi uno dei fondatori del Carroccio, il senatore Giuseppe Leoni era uscito dal suo solito silenzio sostenendo che il simbolo fosse intoccabile senza il permesso dei suoi proprietari come da notaio: lo stesso Leoni, Umberto Bossi e sua moglie, Manuela Marrone. Oggi Maroni ribatte. “I simboli, da statuto, appartengono al movimento. È cambiato in tanti anni. Prima sotto c’era la scritta Padania, oggi quella di Bossi”. E qui l’ex capo del Viminale conclude sibillino: “Il simbolo evolve”.

Poi Bobo è costretto a tornare sulle questioni giudiziarie. Prima la storia delle “donazioni” chieste ai parlamentari, sulle quali sta indagando la procura di Forlì che nei giorni scorsi ha inviato in via Bellerio anche la polizia giudiziaria per una perquisizione. Per i magistrati potrebbe trattarsi di una vera e propria compravendita del posto in parlamento. “Questa tecnicamente è una stronzata, quei soldi sono una donazione volontaria che tutti i parlamentari fanno e che io stesso faccio da 20 anni”, ha detto Maroni. Poi difende il segretario romagnolo, il deputato Gianluca Pini, indagato sempre dalla procura romagnola. “La sua rielezione al congresso romagnolo di oggi sgombra il campo da tutte le insinuazioni che lo riguardano e che non hanno alcun fondamento”.

Poi continua: “Mi sembra tutta aria fritta che peraltro non tocca la sua azione politica. È chiaro che chi ha messo in moto il meccanismo sapendo che era tutto falso sarà chiamato a rispondere, così come chi ha accusato la Lega di aver preso tangenti da Finmeccanica è già stata denunciato e gli abbiamo chiesto 10 milioni di euro di danni”.

 Il leader in pectore del Carroccio ne ha anche per la magistratura. “Non possiamo accettare che qualcuno si comporti in modo scorretto. L’altro giorno ho parlato con il vicepresidente del Csm (Pasquale Vietti, ndr) e abbiamo fatto una denuncia”. Il riferimento è all’articolo di qualche giorno fa in cui si riportava un interrogatorio della segretaria amministrativa della Lega avvenuto proprio allaprocura di Forlì. “La magistratura non può pensare di giocare con noi inventando cose inesistenti”.

Maroni poi parla dell’allarme terrorismo e degli attacchi a Equitalia: “È un esperimento fallito. Non funziona e crea disagio. Le reazioni violente, che io condanno, dovrebbero però far pensare. Non si tratta di terroristi o pericolosi criminali. Quelli hanno gambizzato Adinolfi di Finmeccanica”. Troppo centralizzata, troppo lontana questa agenzia per capire i problemi dei cittadini e dal contesto di crisi in cui vivono. Anche la politica romana è troppo lontana, e per questo, alla fine dell’intervista Bobo rilancia. “Non è detto che non passi presto la linea di non candidarci alle elezioni politiche e non mandare più i nostri rappresentanti al Parlamento”.

Infine una battuta sulle ultime notizie riguardanti Renzo Bossi e l’uso che avrebbe fatto a lungo dei soldi del partito per faccende personali. Notizie trapelate dai due accompagnatori del Trota: “Bisognerebbe scegliersi al meglio gli autisti”, ha ironizzato Maroni.

fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/05/13/maroni-cesena-parla-leader-potremmo-candidarci-parlamento/228264/
tags: Roberto Maroni; Lega Nord; Lega 2.0; Umberto Bossi; via Bellerio; Equitalia; il fatto quotidiano

via http://cuoreimpavido.tumblr.com/post/22993834199 http://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2012/05/maroniplay_pp_er.jpg?47e3a5 May 13, 2012 at 11:00PM

Tosi: Difendo lavoratori del fisco, leggi errate

Tosi: Difendo lavoratori del fisco, leggi errate:

Il sindaco di Verona Flavio Tosi

13/05/2012 20:15

La crisi, Equitalia, la morsa del fisco e la riscossione dei tributi. Il sindaco di Verona, in un’intervista a Elsa Muschella per il “Corriere della Sera”, ribadisce la sua posizione critica nei confronti del governo Monti e commenta gli ultini episodi di cronaca, prendendo posizione a difesa dei lavoratiri nel settore del fisco.

Ecco l’intervista integrale a Tosi sul “Corriere”.

Leggi La Padania e poi parli con Flavio Tosi. Due universi paralleli: battaglie comuni, distanza siderale su toni e proposte. Ieri, dopo la lunga e difficile giornata dell’assedio napoletano a Equitalia, il quotidiano leghista titolava in prima pagina: «Governo incendiario, esplode la rivolta».

Invece il sindaco di Verona — che con la vittoria incassata soprattutto grazie a una personalissima lista civica ha conquistato sul campo il titolo di condottiero per quel Carroccio desideroso di proiettarsi in un’era post bossiana — pensava prima di tutto ai dipendenti dietro gli sportelli: «Mi dispiace moltissimo per loro e per i funzionari: è gente che lavora, non hanno alcuna colpa. È il sistema Equitalia che è cinico, impietoso e non guarda in faccia nessuno. Loro non c’entrano».

La riscossione dei tributi è un obbligo di legge: dov’è il cinismo?

«Nell’assoluta mancanza di elasticità: il meccanismo di Equitalia è stabilito dalla politica ed è sbagliato. Se c’è una sofferenza finanziaria, e di gente in difficoltà è pieno, Equitalia agisce in un solo modo perché è tenuta a farlo».

Dal prossimo 31 dicembre Equitalia cesserà di effettuare accertamento e riscossione delle entrate degli enti locali: sembra di capire che la città di Verona non rinnoverà il contratto.

«In realtà, io spero che la Regione Veneto segua presto l’esempio del Piemonte che ha già creato un ente di riscossione locale. Voglio anch’io un organismo regionale al quale i Comuni possano collegarsi in convenzione. E se non lo fa la Regione lo facciamo noi a Verona».

E se ogni Comune decidesse di seguire il vostro esempio?

«Beh, in effetti, ci sarebbe una proliferazione dispendiosa che centuplicherebbe gli organismi. La struttura regionale resta la soluzione migliore».

Cosa cambierebbe per i cittadini?

«Tutto. Se si deve valutare caso per caso, e non soffocando la famiglia e le imprese, c’è bisogno di uno strumento più sensibile di Equitalia e sicuramente interconnesso con il territorio».

Sta dicendo che Comuni e Regioni potrebbero chiudere un occhio?

«La riscossione avverrebbe comunque ma si analizzerebbe caso per caso e si potrebbero decidere rateazioni lunghe o dilazioni in casi a rischio: un approccio decisamente diverso».

Dicembre però è lontano mentre l’elenco degli attentati con molotov e bombe carta alle sedi di Equitalia si allunga giorno dopo giorno.

«Non sarebbe un errore se il governo desse mandato a Equitalia di congelare con una moratoria le situazioni di quei contribuenti veramente al limite. Un tentativo di conciliazione che fermerebbe il clima terribile di oggi».

Sindaco, la linea del governo Monti è nettissima in merito: «Chi colpisce Equitalia colpisce lo Stato».

«Per riconciliarsi con la gente l’esecutivo deve agire subito con due mosse. La prima è togliere l’Imu sulla prima casa: è una stangata insostenibile che vale meno di 4 miliardi di euro a livello nazionale, soldi che si possono recuperare sostituendo l’imposta municipale coi tagli allo Stato centrale. Poi bisogna cambiare l’impostazione che ha dato Monti: rispetto allo squilibrio nei conti dello Stato la reazione è stata aumentare le entrate e invece bisogna diminuire le uscite. O tagliano la spesa pubblica o altro che crescita, incentivi, detassazione e condizioni agevolate per imprese: diventiamo la Grecia».

Elsa Muschella – “Il Corriere della Sera”


fonte: http://www.tgverona.it/index.cfm/hurl/contenuto=326419/cronaca/tosi_difendo_lavoratori_del_fisco_leggi_errate.html

tags: Flavio Tosi; Lega Nord; Equitalia; IMU; Corriere della Sera; TG Verona

via http://cuoreimpavido.tumblr.com/post/22989819586 http://cdn.telenuovo.it/cached/images/180/4cf2bd9738cb35293b0855cecb55f2fa/Tosi_Flavio-2-1.jpg May 13, 2012 at 10:00PM

Maroni attacca il Governo: “L’esecutivo balbetta”

Maroni attacca il Governo: “L’esecutivo balbetta”:

L’appello del leader leghista: Monti a casa, elezioni

L’ex ministro dell’Interno interviene a tutto tondo sull’attualità politica, dall’allarme clandestini lanciato dalla Libia all’allarme terrorismo dopo gli attacchi a Equitalia e l’attentato all’ad di Ansaldo alla crisi greca

Roberto Maroni a 'Che Tempo che fa' (Infophoto)

Roberto Maroni a ‘Che Tempo che fa’ (Infophoto)

Cesena, 13 maggio 2012 – Dopo qualche giorno di silenzio, l’ex ministro dell’Interno Roberto Maroniinterviene a tutto tondo sull’attualità politica, dall’allarme clandestini lanciato dalla Libia all’allarme terrorismo dopo gli attacchi a Equitalia e l’attentato all’ad di Ansaldo alla crisi greca.

IMMIGRAZIONE – “Sia sul piano della lotta alla mafia, sia sull’immigrazione clandestina, sento questo Governo balbettare”. Cosi’ Roberto Maroni, durante una conferenza stampa, a margine del congresso romagnolo a Cesena. 
“Per questo – ha aggiunto – chiedo che sia costituito da qualcuno che un potere popolare, per produrre misure anche impopolari”. La Grecia è un monito in questo – ha continuato – Governo Monti a casa, elezioni in autunno”.
In particolare, l’ex ministro dell’Interno si è detto “molto preoccupato” sulla gestione del nuovo allarme sbarchi proveniente dalla Libia.

 “Il ministro degli Esteri Terzi ha detto che l’Europa ci deve aiutare – ha affermato – quando lo feci io, ci fu uan valanga di critiche da sinistra”. “Mi pare strano – ha concluso che nessuno dica nulla. Riguardo all’esecutivo Monti, il triumviro della Lega Nord ha detto di avere stima di alcuni ministri”, come, per esempio, il titolare dello Sviluppo economico, Corrado Passera, quando afferma che i posti di lavoro “si creano con l’economia” e non con la riforma del mercato del lavoro, come, invece – ha ricordato Maroni – sostiene la collega, Elsa Fornero”. “Purtroppo, chi ha idee giuste nel Governo non viene ascoltato”.

IL SIMBOLO – I simboli appartengono al movimento, sono parte del patrimonio del movimento e, come tali, vengono amministrati dal consiglio federale”, ha poi detto Maroni rispondendo a chi gli chiedeva se si stia valutando di eliminare il nome di Umberto Bossi dal simbolo elettorale della Lega Nord. “Ne abbiamo cambiati tanti di simboli, il simbolo evolve”.

EQUITALIA – Roberto Maroni “condanna” i recenti episodi di violenza contro le sedi di Equitalia, agenzia nei confronti della quale comunque conferma le posizioni critiche espresse in passato.
“Equitalia è un esperimento fallito, crea tensioni e divisioni, ha premesso il, triumviro della Lega Nord, durante una conferenza stampa, a margine del congresso romagnolo a Cesena.

Le reazioni violente, che io non giustifico, ma anzi condanno, dovrebbero far pensare”, ha aggiunto. L’ex ministro dell’Interno, pero’, si rifiuta di definire terrorista “chi protesta contro Equitalia”. “Terroristi sono quelli che hanno gambizzato Adinolfi a Genova”, precisa.

Maroni ha confermato che i sindaci leghisti “licenzieranno” progressivamente l’Agenzia di riscossione e subiranno delle formule per evitare il pagamento dell’Imu sulla prima casa. “Il presidente Monti ha detto una cosa molto sgradevole quando ha sostenuto che noi diciamo di non pagare l’Imu ed è fuori legge”, ha detto. I Comuni, ha continuato, possono evitare la riscossione dell’Imu “fissando un’aliquota minima, allo 0%”. “Accusare la Lega di sostenere l’evasione fiscale – ha sostenuto – lo puo’ dire il primo che passa, se lo dice il presidente del Consiglio, o è male informato o è in mala fede”.

fonte: http://qn.quotidiano.net/politica/2012/05/13/712049-maroni-governo-balbetta-immigrazione-terrorismo.shtml

tags: Roberto Maroni; Lega Nord; clandestini Libia; allarme terrorismo; Equitalia; quotidiano.net; Cesena

via http://cuoreimpavido.tumblr.com/post/22982186936 http://qn.quotidiano.net/politica/2012/05/13/712049/images/991393-tv_rai.JPG May 13, 2012 at 08:02PM

Maroni: “Equitalia è un fallimento, e chi protesta contro non è un terrorista”

Maroni: “Equitalia è un fallimento, e chi protesta contro non è un terrorista”:

Roberto Maroni ”condanna” i recenti episodi di violenza contro le sedi di Equitalia, agenzia nei confronti della quale comunque conferma le posizioni critiche espresse in passato: “è un esperimento fallito”.

– Redazione – 13 maggio 2012 – ”Equitalia è un esperimento fallito, crea tensioni e divisioni”, ha premesso il, triumviro della Lega Nord Roberto Maroni, durante una conferenza stampa, a margine del congresso romagnolo a Cesena. ”Le reazioni violente, che io non giustifico, ma anzi condanno,dovrebbero far pensare”, ha aggiunto. L’ex ministro dell’Interno, però, si rifiuta di definire terrorista ”chi protesta contro Equitalia’’. ”Terroristi sono quelli che hanno gambizzato Adinolfi a Genova”, precisa.

 Roberto Maroni ha confermato che i sindaci leghisti ”licenzieranno” progressivamente l’Agenzia di riscossione e subiranno delle formule per evitare il pagamento dell’Imu sulla prima casa. ”Il presidente Monti ha detto una cosa molto sgradevole quando ha sostenuto che noi diciamo di non pagare l’Imu ed è fuori legge”, ha detto. I Comuni, ha continuato, possono evitare la riscossione dell’Imu ”fissando un’aliquota minima, allo 0%”. ”Accusare la Lega di sostenere l’evasione fiscale – ha sostenuto – lo può dire il primo che passa, se lo dice il presidente del Consiglio, o è male informato o e’ in mala fede”.

ALLEANZA PDL E LEGA – L’alleanza fra Lega e Pdl ci potrà essere ”se entro luglio il Pdl decidesse di togliere il sostegno al governo Monti, se riconosce di aver sbagliato e se si va a votare a ottobre”. Queste sono le condizioni poste da Roberto Maroni. ”Mi pare però – ha aggiunto – un periodo ipotetico dell’irrealtà”. Maroni ha anche ribadito che al ballottaggio di domenica prossima non ci sarà nessun apparentamento con partiti che sostengono il governo, compreso il Pdl.

fonte: http://www.articolotre.com/2012/05/maroni-equitalia-e-un-fallimento-e-chi-protesta-contro-non-e-un-terrorista/85169

tags: Lega Nord; Roberto Maroni; Equitalia; articolotre.com

via http://cuoreimpavido.tumblr.com/post/22965498968 http://www.articolotre.com/wp-content/uploads/2012/05/maroni-300×234.jpg May 13, 2012 at 02:18PM

Tosi: “Mi spiace per i dipendenti, ma il meccanismo di Equitalia è stabilito dalla politica ed è sbagliato

Tosi: “Mi spiace per i dipendenti, ma il meccanismo di Equitalia è stabilito dalla politica ed è sbagliato:

Il sindaco leghista di Verona Flavio Tosi (Ansa)Il sindaco leghista di Verona Flavio Tosi (Ansa) 

“Mi spiace moltissimo per i dipendenti e i funzionari: è gente che lavora, non hanno alcuna colpa. E’ il sistema Equitalia che è cinico, impietoso e non guarda in faccia a nessuno”. Lo afferma in una intervista alCorriere della Sera, il sindaco leghista di Verona Flavio Tosi, cui fa eco dalle pagine di La Repubblica un altro esponente del Carroccio, il governatore del Piemonte Roberto Cota, secondo il quale “il fisco deve avere un volto più umano” e “considerare la realtà quotidiana delle persone e delle aziende” perché “imprese e famiglie sono stremate”.
Tosi: “Il meccanismo di Equitalia è sbagliato” – Il problema, per Tosi è “l’assoluta mancanza di elasticità: il meccanismo di Equitalia è stabilito dalla politica ed è sbagliato”. Tanto che il sindaco di Verona si augura che “il Veneto segua léesempio del Piemonte che ha già creato un ente di riscossione locale. E se non lo fa la Regione lo facciamo noi a Verona”.
Cota: “In Piemonte un approccio diverso” – E in effetti, come sottolinea Cota, “in Piemonte stiamo creando una nostra società di riscossione, meno burocratica e più comprensiva” con la convinzione che “con un approccio diverso si può invertire la tendenza facendo diventare in contribuenti più responsabili”. Nel frattempo, secondo Tosi “non sarebbe un errore se il governo desse mandato a Equitalia di congelare con una moratoria le situazioni di quei contribuenti veramente al limite, un tentativo di conciliazione che fermerebbe il clima terribile di oggi”.

13 maggio 2012 Redazione Tiscali

fonte: http://notizie.tiscali.it/articoli/politica/12/05/13/tosi-equitalia-troppo-fisco.html

tags: Lega Nord; Flavio Tosi; Equitalia; Tiscali Notizie

via http://cuoreimpavido.tumblr.com/post/22961185099 http://notizie.tiscali.it/media/12/05/tosi_ansa_mag_436.jpg_415368877.jpg May 13, 2012 at 11:22AM

Tosi difende Equitalia: “Le leggi sono sbagliate, non gli ispettori”

Tosi difende Equitalia: “Le leggi sono sbagliate, non gli ispettori”:


flavio tosi

Flavio Tosi (Lapresse)

ROMA – ”Mi spiace moltissimo per i dipendenti e i funzionari: e’ gente che lavora, non hanno alcuna colpa. E’ il sistema Equitalia che e’ cinico, impietoso e non guarda in faccia a nessuno”. Lo afferma in una intervista al Corriere della Sera, il sindaco leghista di Verona Flavio Tosi, cui fa eco dalle pagine di Repubblica un altro esponente del Carroccio, il governatore del Piemonte Roberto Cota, secondo il quale ”il fisco deve avere un volto piu’ umano” e ”considerare la realta’ quotidiana delle persone e delle aziende” perche’ ”imprese e famiglie sono stremate”.

Il problema, per Tosi e’ ”l’assoluta mancanza di elasticita’: il meccanismo di Equitalia e’ stabilito dalla politica ed e’ sbagliato”. Tanto che il sindaco di Verona si augura che ”il Veneto segua le’esempio del Piemonte che ha gia’ creato un ente di riscossione locale. E se non lo fa la Regione lo facciamo noi a Verona”.

E in effetti, come sottolinea Cota, ”in Piemonte stiamo creando una nostra societa’ di riscossione, meno burocratica e piu’ comprensiva” con la convinzione che ”con un approccio diverso si puo’ invertire la tendenza facendo diventare in contribuenti piu’ responsabili”.

Nel frattempo, secondo Tosi ”non sarebbe un errore se il governo desse mandato a Equitalia di congelare con una moratoria le situazioni di quei contribuenti veramente al limite, un tentativo di conciliazione che fermerebbe il clima terribile di oggi”.

13 maggio 2012 10:02 | Politica Italia

fonte: http://www.blitzquotidiano.it/politica-italiana/tosi-difende-equitalia-leggi-sbagliate-ispettori-1229215/

tags: Lega Nord; Flavio Tosi; Verona; Equitalia; Blitzquotidiano.it

via http://cuoreimpavido.tumblr.com/post/22960610071 http://www.blitzquotidiano.it/wp/wp/wp-content/uploads/2012/05/tosi_flavio1-199×300.jpg May 13, 2012 at 10:57AM

Matteo Bianchi e Roberto Maroni Scelta anti-Equitalia,…

Matteo Bianchi e Roberto Maroni

Scelta anti-Equitalia, Maroni:”Esempio da imitare”

di Redazione InInsubria (29/04/2012)

In vista del raduno del 1 Maggio a Zanica l’ex ministro torna alle proposte rivoluzionarie delle origini. Elogia la scelta anti-Equitalia di Matteo Bianchi e chiede ai sindaci di fare come lui

La Lega di Maroni sceglie la linea dura e questa volta dichiara guerra senza quartiere al pagamento dell’Imu ed esalta la scelta anti Equitalia fatta da alcuni sindaci, tra i quali Matteo Bianchi di Morazzone, che hanno dato il benservito alla società gestita da Befera e hanno preferito gestire in proprio la riscossione dei tributi.

IMU
“Il prossimo 1 maggio nel nostro raduno a Zanica – ha annunciato l’ex ministro dell’Interno Roberto Maroni che ormai parla da leader e di fatto detta la linea del partito – lanceremo la disobbedienza civile e l’obiezione fiscale contro il pagamento dell’Imu. Invitiamo anche i nuovi sindaci – ha aggiunto l’ex ministro – a seguirci perche’ questo dell’Imu e’ un vero e proprio attentato al buon senso”.
Sul governo Monti:”Sta martoriando le famiglie e impoverendo i comuni e per questo serve una grande giornata di mobilitazione. Siamo contrari alla tassazione della prima casa e dobbiamo dire chiaro che i fondi che i Comuni raccoglieranno andranno a Roma e non rimarranno nelle casse locali. Sono nove miliardi di euro che saranno letteralmente scippati ai comuni”.
Poi su Facebook ha rincarato la dose:”Martedì a Zanica lanceremo la DISOBBEDIENZA FISCALE contro l’atroce tassazione sulla prima casa. I nostri sindaci guerrieri partiranno all’attacco del governo centralista montiano”.
Il 1 maggio, infatti, come annunciato nei giorni scorsi, Maroni ha chiamato all’adunata a Zanica, Bergamo, il popolo del Carroccio nel “Lega unita day”.
Un appuntamento finalizzato a compattare la base, militanti ed elettori, verso le prossime battaglie del movimento.

ANTI-EQUITALIA
Roberto Maroni ha poi elogiato la decisione presa da alcuni sindaci, tra i quali Matteo Bianchi di Morazzone (Varese), di “disdire il contratto con Equitalia, assumendoselo in proprio”. 
“Matteo Bianchi – ha scritto Maroni su Facebook – giovane e bravissimo sindaco leghista di Morazzone, indica la strada che tutti i sindaci devono seguire: basta Equitalia, obiezione fiscale”.
“E’ un’iniziativa spontanea, venuta dal basso, se lo facessero tutti sarebbe un segnale forte e chiaro”, ha spiegato l’ex ministro dell’Interno. Cancellare la tassa sulla prima casa”non è un’obiezione fiscale, noi facciamo le cose per bene”.
All’iniziativa anti-Equitalia per ora hanno aderito i Comuni di Morazzone (Varese), Calalzo di Cadore (Belluno) e Vigevano.

L’ex ministro dell’Interno ha poi ricordato che la Lega presenterà la proposta anti-Equitalia durante il raduno del Primo maggio, a Zanica, insieme a quella sull’Imu
“I Comuni tuteleranno i cittadini che non pagheranno l’Imu, diminuirà il gettito delle amministrazioni e troveremo le risorse alternative: sono tre miliardi di euro da recuperare, non è una cifra impossibile”.

fonte: http://www.ininsubria.it/scelta-anti-equitalia-maroni-esempio-da-imitare~A8759

tags: Lega Nord, Roberto Maroni, Matteo Bianchi, Morazzone, Varese, Equitalia, IMU, InInsubria

via Tumblr http://cuoreimpavido.tumblr.com/post/22893221864 http://24.media.tumblr.com/tumblr_m3wjq4geeX1rugh1so1_500.jpg Lega Nord, Roberto Maroni, Matteo Bianchi, Morazzone, Varese, Equitalia, IMU, InInsubria May 01, 2012 at 11:01AM